Tracy Chapman è una cantautrice e polistrumentista statunitense.Nota per brani di grande spessore artistico come Fast Car, Give Me One Reason, Talkin’ ‘bout a Revolution e Baby Can I Hold You, Tracy Chapman viene riconosciuta dal pubblico e dalla critica come una delle più intense e raffinate cantautrici afroamericane viventi, grazie soprattutto alla sua voce profonda e modulata. Tracy Chapman rivoluzione album

EsordioTracy Chapman rivoluzione album

Tracy Chapman ha cominciato come artista di strada e cantando nei bar. Ha imparato a suonare la chitarra sin da piccola. Finiti gli studi di Antropologia e Studi africani alla Tufts University di Medford (Massachusetts) anche grazie ad alcune borse di studio riservate agli studenti neri meno abbienti, è stata subito notata da Brian Koppelman, figlio di Charles Koppelman, produttore della casa discografica indipendente Sbk, che le ha permesso di pubblicare il suo primo disco nel 1988, intitolato semplicemente Tracy Chapman. L’album ebbe subito un enorme successo di critica e di vendite: fuse i ritmi afro, folk e rock miscelati con testi molto toccanti e storie di povertà e marginalità delle periferie americane e arrivò a vendere 20 milioni di copie in tutto il mondo. Per tematiche e sonorità è stata spesso paragonata a Joni Mitchell.

Carriera

Il successo mondiale arrivò negli anni ottanta anche per la partecipazione ad attività benefiche come il famoso tour Human Rights Now! organizzato da Amnesty International, cantando a fianco di altri celebri cantanti in giro per il mondo. Inoltre ha partecipato a concerti in onore del settantesimo compleanno di Nelson Mandela e al concerto nel dicembre del 1998 “One Love – All Star tribute” tributo a Bob Marley (in cui ha duettato con il figlio del grande Bob, Ziggy).

Il secondo album intitolato Crossroads uscì nel 1989 e per il successivo Matters of the Heart la Chapman preparò un tour in piccoli locali per enfatizzare l’atmosfera intima del disco. Il suo quarto album New Beginning ebbe un grande successo commerciale che arrivò a vendere 3 milioni di copie solo negli Stati Uniti. Questo album includeva il successo Give Me One Reason che vinse il Grammy per la migliore canzone rock dell’anno e divenne il singolo di maggior successo della Chapman fino ad oggi.

Il seguente album fu Telling Stories, pubblicato nel 2000, e proponendo un suono più vicino al rock a differenza del suono folk dominante nei dischi precedenti. Il singolo Telling Stories era molto diffuso nelle stazioni radio europee. Il suo sesto album pubblicato nel 2002 si intitola Let It Rain. Nel settembre 2005 ha pubblicato l’album Where You Live e nel novembre 2008, Our Bright Future.

In tutti i suoi lavori scaturisce un vivido quadro di povertà (economica o morale) della società americana nei confronti del popolo afro.

Tracy Chapman rivoluzione album

“Riguardo ad una rivoluzione”

“Talkin’ ’Bout A Revolution” punta l’indice contro l’indifferenz) e la recessione economica (“Fast Car”, “Mountains O’ Things”) senza tralasciare il valore dei rapporti umani, tratteggiati con emozione nella dolceamara “Baby Can I Hold You” e nei chiaroscuri di “For My Lover”. Classici che, sposando politico e personale, si ritagliano un posto nel cuore, alla maniera lieve però risoluta di Billy Bragg.

01. Talkin’ Bout a Revolution (02:41)
02. Fast Car (04:56)
03. Across the Lines (03:24)
04. Behind the Wall (01:49)
05. Baby Can I Hold You (03:13)
06. Mountains O’ Things (04:39)
07. She’s Got Her Ticket (03:54)
08. Why? (02:06)
09. For My Lover (03:12)
10. If Not Now… (03:01)
11. For You (03:09)
Tracy Chapman rivoluzione album
Continuate a seguirci su Musicaccia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui