domenica, Aprile 21, 2024

Latest Posts

Ciclone Springsteen: polemiche sul concerto a Ferrara

The Boss torna in Italia dopo sette anni

Bruce Springsteen and The E Street Band sono tornati a esibirsi in Italia lo scorso 18 maggio per il primo concerto del tour europeo 2023 a Ferrara. I suoi fan hanno dovuto aspettare sette lunghi anni prima di assistere al suo concerto che nel 2020 era stato annullato a causa del COVID-19.

La città estense ha avuto l’onore di accoglierlo per prima al Parco Urbano Giorgio Bassani, tappa a cui faranno seguito altri due live: a Roma il prossimo 21 maggio al Circo Massimo e a Monza al Prato della Gerascia, nell’Autodromo Nazionale, il 25 luglio data che chiuderà il tour del più grande rocker di tutti i tempi.

The Boss ha aperto il concerto con No Surrender e da lì è andato avanti per ben tre ore, facendo andare in visibilio cinquantamila persone che con lui hanno cantato i suoi più celebri e iconici brani, capisaldi di quel rock inossidabile al passare degli anni. Ghost, Prove it all night, Promised land, Wrecking Ball e Dancing in the dark sono solo alcuni dei titoli intonati dal settantatreenne con l’iconica camicia nera smanicata.

Valanghe di fango e polemiche

Insomma, un sogno a cielo aperto per tutti coloro che erano lì presenti sotto al palco. Peccato per il fango dato che, a poche decine di chilometri, l’Emilia-Romagna aveva da poche ore subito un disastro senza precedenti a causa della terribile alluvione che ha colpito le zone di Faenza, Forlì-Cesena e Ravenna.

Il disastro, però, pare non abbia minimamente intaccato il normale prosieguo del concerto di Bruce che non solo non ha annullato l’evento ma non ha nemmeno rivolto delle parole di conforto alle vittime dei comuni romagnoli colpiti dal tragico evento, i quali per ovvie ragioni non hanno purtroppo avuto modo di assistere a quel concerto.

Tutto questo ovviamente ha provocato non poche polemiche sui social, sia da parte degli utenti comuni che da parte dei “colleghi” italiani del cantante del New Jersey.

Concerto sì o concerto no?

A causa dell’improvvisa ondata di maltempo che ha colpito e devastato i territori limitrofi al luogo del concerto c’è chi, infatti, ha pregato il cantante di annullarlo e chi come Agnelli e Vecchioni, veterani del cantautorato italiano, hanno espresso il loro disappunto nei confronti della volontà di Springsteen di non annullare l’evento.

Tante le opinioni su cosa avrebbe o non avrebbe dovuto fare The Boss a riguardo. Avrebbe dovuto annullare il concerto rischiando di mandare in fumo mesi e mesi di duro lavoro a cui hanno preso parte 1.500 lavoratori professionisti? Avrebbe dovuto devolvere l’incasso alle comunità colpite? Oppure avrebbe dovuto semplicemente dedicare un pensiero, a inizio o a fine concerto, a ciò che era appena successo?

Cercare di capire quali siano state le motivazioni dietro questo silenzio non è dato saperlo e forse non le sapremo mai. Ciò che resta è solo l’amaro in bocca di coloro che alle parole di Bruce Springsteen, cantate sempre con grande empatia, ci avevano, fino a quel momento, creduto.

E voi cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra con un commento e continuate a seguirci su Musicaccia. Springsteen Ferrara

Latest Posts

Don't Miss

Resta con noi

Per essere aggiornato con tutte le ultime novità, offerte e annunci speciali.