martedì, Marzo 5, 2024

Latest Posts

Intervista al duo Di Notte, dal singolo di debutto “Casiraghi” alla passione per il calcio

Casiraghi è il singolo d’esordio uscito del duo post punk bolognese Di Notte, formato da Luca Malatesta e Domenico Aloi. Il singolo, un tributo al calciatore Pierluigi Casiraghi, va a ricreare una suggestiva atmosfera capace di ricreare lo scenario realistico e immersivo di un caotico pub britannico. Scopriamo insieme, in quest’intervista, chi sono i due artisti, il loro legame con il calcio e cosa li ha portati a dedicare la loro prima canzone al già citato Pierluigi Casiraghi. Di Notte intervista

Casiraghi è il vostro singolo di debutto. Una canzone che vede come tema portante, come suggerisce il titolo, Pierluigi Casiraghi, attaccante che ha giocato in squadre come Juventus, Lazio e Chelsea. Cosa vi ha spinto a dedicare il vostro brano d’esordio nel mondo della musica a questo specifico calciatore.

Tutto è nato per gioco sulle note di Brimful of Asha dei Cornershop. Solo che tra una birra e l’altra, anziché cantare il ritornello ho iniziato a intonare “Casiraghi”, dato che metricamente ci stava perfettamente. Quello che però è nato come un gioco è poi entrato in sala prove, per poi diventare una demo e, adesso, è il nostro singolo di debutto. Ovviamente la nostra passione per il calcio c’è, ma è quella riferita agli anni 90, a un calcio che non c’è più.

La canzone è dedicata al periodo di Casiraghi nel quale militava nel Chelsea. Questo specifico arco temporale ha decretato la fine della sua carriera a causa di un brutto infortunio che lo ha costretto al ritiro all’età di 31 anni. È questo uno dei motivi che vi ha spinto a celebrare quest’attaccante e questo specifico, seppur sfortunato, periodo della sua carriera?

Gigi è stato molto sfortunato, era un bomber di razza il “Tyson Carisaghi”. È stato molto gentile da parte sua contattarci personalmente in questi giorni, quindi adesso sì che gliela dedichiamo anche per questo brutto episodio.

Il Chelsea è l’ultima squadra nella quale ha militato Casiraghi come calciatore professionista. È per questo che avete deciso di scrivere questa canzone in lingua inglese? O la vostra è una scelta artistica a testimonianza del vostro stile per i progetti futuri?

La nostra musica sin da principio è pensata per essere cantata in inglese, la lingua del rock and roll e del punk, il nuovo latino che può essere compreso più o meno da tutti. Quindi le cose vanno a braccetto ma il riferimento al Chelsea è puramente casuale: la canzone parla di due soggetti che discutono in un pub (inglese) quando all’improvviso sullo schermo iniziano le gesta di Casiraghi.

In merito al mondo del calcio, qual è il vostro primo ricordo legato a questo sport? Cos’è che vi lega a questa disciplina e cosa continua ad alimentare questa passione in voi?

La nostra passione per il mondo del calcio, noi che abbiamo 35/40 anni, nasce dalle partite in cortile, quando non eravamo sempre connessi e quando il calcio non era ancora in mano alle multinazionali straniere. Per noi rappresenta la vita di provincia e il suo significato anche popolare.

Musica e Calcio, un binomio invisibile eppure presente. Dagli inni delle squadre nazionali, ai cori dei tifosi, fino ad arrivare alle canzoni ufficiali dei club e a quelle scritte per eventi sportivi come il Mondiale. A prescindere dalla vostra fede calcistica, quali sono gli inni o le canzoni a tema calcio alle quali siete più legati?

I cori da stadio della Premier League sono molto più divertenti di quelle nostrane, quindi quelli un po’ tutti. In Italia direi che i cori della Reggina [Domenico, il cantante, è di Reggio Calabria, n.d.R.] li conosco quasi tutti a memoria. L’importante è lasciarsi coinvolgere. La musica è una divinità immensa che può fare la differenza anche sugli spalti

Prima di Casiraghi, avevate in mente altri temi che avrebbero potuto fare da elemento portante per la vostra canzone di debutto? E se sì, quali tra questi temi potrà diventare il tema principale per uno dei vostri prossimi brani?

Abbiamo un’altra canzone (il nostro EP uscirà nel 2024) che si intitola Tacchettee e che fa un riferimento un po’ astratto ancora al calcio. Questa e Casiraghi sono le canzoni che parlano di questo sport. Le altre parleranno di altro. Sicuramente non di sole, cuore e amore. Di Notte intervista

E voi cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra con un commento e continuate a seguirci su Musicaccia! Di Notte intervista

Latest Posts

Don't Miss

Resta con noi

Per essere aggiornato con tutte le ultime novità, offerte e annunci speciali.