Modena in festa Guccini intervista festa Modena

Alle 18 sarà trasmessa online l’evento “festa”, organizzato dal comune di Modena, con la partecipazione straordinaria di Ligabue.  Il “Corriere della sera” fa uscire una lunga intervista sul noto cantautore Francesco Guccini in occasione della festa modenese. Guccini intervista festa Modena

L’intervista a Guccini

“La locomotiva”, Guccini spiega come nacque: 

“Una suggestione letteraria, non politica”.

In “Stagioni”, il suo tributo a Che Guevara, lo ha precisato:

“Se avessi discusso con il Che, non ci saremmo trovati d’accordo”.

Dei suoi inizi con la musica, racconta:

“Vedemmo un film dove una band suonava in un campo scout femminile: cinque ragazzi e tremila ragazze. All’uscita ci dicemmo: mettiamo su un complesso pure noi. Victor Sogliani, il futuro fondatore dell’Equipe 84, scelse il sax, che non aveva mai suonato in vita sua. Un altro affittò un contrabbasso. Pier Farri, che era il più dovizioso di denaro, volle la batteria. Io comprai una chitarra con le 5 mila lire che mi passò mia nonna Amabilia. A suonarla imparai da solo. Me l’aveva costruita Celestino, un falegname di Porretta Terme, che mi aveva dato anche un quadernetto con i pallini che mostravano dove mettere le dita per gli accordi. Ero felicissimo: alla fine di quel pomeriggio sapevo già accompagnare due canzoni”.

Ecco il suo ricordo quando fu giornalista per “La Gazzetta di Modena” e fece un’intervista a Domenico Modugno:

“Ero giovane e saputello: lo attaccai; feci, come dicono a Bologna, lo sborone”.

E dei suoi inizi con la musica:

“Caterina Caselli era capitata a Porretta Terme subito dopo il successo di Sanremo. Qualcuno le disse che c’era un ragazzo che scriveva canzoni. Ascoltò ‘Per fare un uomo’, che poi ha cantato lei, e ‘Auschwitz’, che mi fece portare in tv. L’altro presentatore della trasmissione era Giorgio Gaber, che aveva invitato un ragazzo di Catania: Francesco Battiato. Non si chiamava ancora Franco”.

Poi spiega:

“Con Gaber siamo diventati amici. Battiato lo ritrovai al Club Tenco: era un barzellettaro formidabile. Come Bruno Lauzi. Con Fabrizio De André c’era rispetto reciproco. Sono stato molto amico di Claudio Lolli, grande poeta, grandissimo autore di canzoni, meglio di me. Di Lucio Dalla non sono mai stato veramente amico, vedevamo la vita in modo troppo diverso. Però sulla barca di Dalla, a Capri, sono diventato amico di Zucchero. Con Ligabue non ci conoscevamo, mi chiamò lui per farmi recitare nel film ‘Radiofreccia’. Vasco Rossi una sera capitò a Bologna, nell’osteria Da Vito, per dirmi che era entusiasta di “L’avvelenata’ . Io detesto “L’avvelenata”. Una canzoncina. Non capisco perché abbia avuto tutto questo successo”.

Qualche mese fa è stata pubblicata la prima parte di un disco-tributo a Francesco Guccini prodotto da Mauro Pagani, “Note di viaggio”. L’uscita della seconda parte dell’album, inizialmente prevista per questo mese di giugno 2020, è stata rimandata a dopo l’estate.

 

Guccini intervista festa Modena

Continuate a seguirci su Musicaccia 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui