YouTube in ripresa: situazione 2020Apple ricavi 2020 youtubevideo

I report trimestrali diffusi da Alphabet – la società madre di Google – relativi al secondo trimestre del 2020 hanno rivelato come. YouTube abbia generato 3,8 miliardi di dollari. tra gli scorsi. mesi di aprile. e giugno solo grazie agli annunci pubblicitari. presenti sulla sua piattaforma. Il dato è in crescita su base annua del 5,8%, ma in lieve flessione rispetto al primo trimestre, durante. il quale la pubblicità ha fruttato alla piattaforma di video sharing 4,1 miliardi di dollari.Apple ricavi 2020 youtubevideo

Questi non sono gli unici. ricavi che i contenuti audio. e video generano per Alphabet: dal computo sono infatti esclusi gli abbonamenti a pagamento a YouTube e YouTube Music Premium, che pure – a detta dell’ad Sundar Pichai – hanno fatto segnare. buone prestazioni.

Le cifre comunicate potrebbero. riaccendere le polemiche con il mondo discografico a causa del value gap, il differenziale tra la ricchezza generata dai. contenuti coperti da diritto d’autore, specie musicali, e la quota di questa ricchezza “girata” da YouTube – ancora coperta dallo scude legislativo del safe arbor – ai titolari dei diritti: Pichai ha giocato d’anticipo, ricordando come nel 2019 la piattaforma di video sharing abbia pagato oltre 3 miliardi di dollari all’industria musicale a livello globale.Apple ricavi 2020 youtubevideo

Apple Music fa “denari”

Nonostante il periodo di profonda crisi globale causato dall’emergenza sanitaria da Coronavirus, Apple ha fatto segnare una prestazione record alla chiusura del secondo trimestre 2020: il colosso di Cupertino ha visto i propri servizi digitale generare ricavi per 13,16 miliardi di dollari, con un aumento su base annua del 14,8%. “Abbiamo avuto le migliori prestazioni di tutti i tempi e una forte crescita a doppia cifra per App Store, Apple Music, video e servizi cloud”, ha spiegato il direttore finanziario di Apple, l’italiano Luca Maestri.

Il buon momento della società di Cupertino era stato anticipato, proprio in questi giorni, da Bloomberg, che aveva stimato in 5 miliardi di dollari di ricavi all’anno il ricavo della sola Apple Music, il servizio musicali di streaming dell’azienda americana.

Universal Music Group in difficoltà?

I risultati riferiti al secondo trimestre del 2020 diffusi da Vivendi hanno gettato un interessante cono di luce. sull’andamento di Universal Music Group, la major controllata dal colosso francese diretto da Vincent Bolloré: come riferito dai. report, alla fine dello scorso la società diretta da Lucian Grainge. ha fatto segnare una crescita nei ricavi del 6,2% su base annua (a 3,46 miliardi di euro). La scomposizione dei due risultati tra trimestri fotografa però una realtà molto più complesso: mentre alla fine del primo trimestre – quello, cioè, immediatamente precedente la pandemia – UMG aveva fatto segnare una crescita pari al 17,8%, nel secondo – quello del lockdown – il gruppo ha fatto segnare una decrescita di quasi quattro punti percentuali (-3,8%).

Apple ricavi 2020 youtubevideo

 

Continuate a seguirci su Musicaccia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui