Home News Chester Bennington, un’altra tragedia rock

Chester Bennington, un’altra tragedia rock

1929
0
CONDIVIDI
morte improvvisa Chester Bennington

Ci sono notizie che non vorremmo mai sentire, ma purtroppo è successo un’altra volta.

Da poco siamo venuti tutti a conoscenza dell’improvvisa morte dello storico frontman dei Linkin Park, Chester Bennington.

È stato trovato senza vita, sappiamo con certezza che si è impiccato a 41 anni in una residenza a Palos Verdes Estates, in California. Il suo corpo è stato trovato stamani alle 9 ore locali e lascia sei figli, avuti da due mogli.

La morte nel giorno del compleanno di Chris

Anche lui aveva lottato per anni contro droghe e alcool, soffriva da tempo di depressione ed era molto vicino a Chris Cornell, che come ben sappiamo si è tolto la vita impiccandosi poche settimane fa: oggi sarebbe stato il 53esimo compleanno del frontman dei Soundgarden.

A quanto pare non è per nulla una coincidenza il suo suicidio il giorno del compleanno di Chris.

Chester in occasione della morte dell’amico aveva anche scritto una commovente lettera: “Mi hai ispirato in modi che nemmeno puoi immaginare. Il tuo talento era puro e senza rivali – aveva scritto Benningont sui social -. La tua voce era gioia e dolore, rabbia e perdono, amore e crepacuore, tutto insieme. Suppongo che è quello che siamo tutti. E tu mi hai aiutato a capirlo».

Parole che lette adesso hanno tutto un altro sapore, un sapore amaro di tristezza, come quella che stanno provando i milioni di fans dei Linkin Park.

Linkin Park un gruppo simbolo di una generazione

I linkin Park che piacciano o no sono un gruppo simbolo del rock dei primi anni ’00, le loro canzoni ci hanno accompagnato in tanti momenti della nostra vita e soprattutto le loro canzoni sono state cantate a squarciagola da tutti.

Alzi la mano chi non ha mai cantato In the End o Numb.

Il gruppo nu metal californiano ha venduto oltre 60 milioni di copie in tutto il mondo ed è una delle band di maggiore successo dell’ultimo decennio.

Chester Bennington era stato il cantante anche degli Stone Temple Pilots, dal 2013 al 2015 e nel 2006 è stato inserito alla 46esima posizione di una classifica dei 100 migliori cantanti metal di tutti i tempi.

LASCIA UN COMMENTO