Home Concerti Eddie Vedder e il suo incredibile one man show a Taormina

Eddie Vedder e il suo incredibile one man show a Taormina

607
0
CONDIVIDI
Scaletta Eddie Vedder concerto Taormina

Fin da bambino ho sempre voluto venire in Sicilia e grazie alla musica sono finalmente qui ma soprattutto grazie a voi” , con queste parole, in italiano, Eddie Vedder si presenta sul palco davanti a più di 40 mila persone, nella prima giornata, del doppio appuntamento di Taormina, nel suggestivo scenario del Teatro Greco.  Scaletta Eddie Vedder concerto Taormina

Per la prima volta in tour senza i Pearl Jam, uno dei cantanti più amati dal pubblico rock italiano, torna a tre anni esatti dalle date di Milano e Trieste.

Un perfetto one man show

Questa volta ci regala una performance da solista a dir poco meravigliosa, con uno show incentrato sull’essenzialità di chitarra, ukulele e voce ma soprattutto di tanta improvvisazione.

Le sue serate sono sempre caratterizzate da scalette diverse ogni sera, che rendono ogni volta unica e irripetibile. Scaletta Eddie Vedder concerto Taormina

Ha messo in piedi uno show che attraversa sia i suoi brani da solista, sia quelli con la band statunitense e sia alcuni dei più celebri pezzi della musica mondiali con cover di David Bowie, Who, U2, George Harrison.

Ha invitato sul palco il suo grande amico, Glen Hansard, cantautore irlandese, già voce e chitarra del gruppo rock The Frames: lo accompagna in tutto il tour, come già successo in passato. Scaletta Eddie Vedder concerto Taormina

Sul palco Eddie invita anche i Red Limo String Quartet, a dargli una mano, accompagnandolo con la loro carica e bravura.

Classici immancabili

Alle 21.49 in un boato di applausi Eddie entra con taccuino alla mano e si posiziona su una sedia intonando un classico del repertorio dei Pearl Jam “Long Road”.

La parte iniziale è incentrata principalmente sulle canzoni della band in chiave acustica, molto apprezzate dal pubblico che canta a memoria e alcune cover.

Si passa dagli U2 a pezzi classici come “Wishlist” a “I am mine” da “Sleeping by myself” a “Jeremy” e con “Better Man” il pubblico va in delirio.

Immancabile compagna, sul palco, una bottiglia di vino rosso che ha generosamente offerto a diversi spettatori delle prime file.

I momenti migliori e più emozionanti sono nelle esecuzioni delle canzoni della colonna sonora di “Twin Peaks” dove il pubblico ascolta in religioso silenzio o nell’esecuzione di “It Happened Today” . Eddie Vedder aveva cantato nei cori della versione originale; I R.E.M. l’hanno suonata dal vivo la sera del loro scioglimento.

Passando da “Heros” omaggio a David Bowie a “Isn’t It a Pity” di George Harrison eseguita al piano, salirà poi Glen sul palco permettendo a Eddie di alzarsi e liberarsi della chitarra. E dopo una performance incredibile di sola voce e ukulele (nessuna amplificazione), arrivano le note di  “Just Breathe” a coronare la magica serata di Taormina.

In questa fase è travolgente: prima invita un papà con un bambino piccolo vicino al palco (al suo primo Eddie Vedder)  poi scende nel pit e canta accanto al pubblico in visibilio.

Taormina stregata dalla bellezza e dalla bravura di questo cantante straordinario.

Stasera si bissa con la seconda serata, speriamo ci sia già pronta una buona bottiglia di vino per Eddie.

 

AC

 

La scaletta delle canzoni che ha cantato a Taormina:

 

Musiche d’apertura:

Batman Theme

Tuolumne (dalla colonna sonora di “Into the wild”)

 

Long Road

(Pearl Jam)

 

Bad

(U2 cover)

 

Wishlist

(Pearl Jam)

 

I Am Mine

(Pearl Jam)

 

Can’t Keep

(Pearl Jam)

 

Without You

 

Sleeping by Myself

(con Red Limo String Quartet)

 

It Happened Today

(R.E.M.) (con Red Limo String Quartet) (Eddie Vedder aveva cantato nei cori della versione originale; I R.E.M. l’hanno suonata dal vivo la sera del loro scioglimento)

 

Driftin’

 

(Pearl Jam)

 

Setting Forth

 

No Ceiling

 

Far Behind

 

Guaranteed

 

Rise

 

Picture in a Frame

(Tom Waits)

 

The Kids Are Alright

(Who)

 

Out of Sand

 

Better Man

(Pearl Jam)

 

Porch

(Pearl Jam)

 

Bis:

 

Isn’t It a Pity

(George Harrison)

 

Crazy Mary

(Victoria Williams)

 

Jeremy

(Pearl Jam) (con Red Limo String Quartet)

 

“Heroes”

(David Bowie) (con Red Limo String Quartet)

 

Just Breathe

(Pearl Jam) (con Red Limo String Quartet)

 

Lukin

(Pearl Jam) (con Red Limo String Quartet)

 

Song of Good Hope

(Glen Hansard) (con Glen Hansard)

 

Sleepless Nights

(Everly Brothers) (con Glen Hansard)

 

Society

(Jerry Hannan) (con Glen Hansard)

 

All Along the Watchtower

(Bob Dylan) (con Glen Hansard) (e con Red Limo String Quartet)

 

secondo bis:

 

Hard Sun

(Indio cover) (con Glen Hansard) (e con Red Limo String Quartet e le figlie di Eddie)

LASCIA UN COMMENTO