Home Artisti emergenti Aula 39: “impegnatevi e lavorate, perchè a lungo andare il lavoro paga”

Aula 39: “impegnatevi e lavorate, perchè a lungo andare il lavoro paga”

2967
0
CONDIVIDI
aula39 nuovo album

Abbiamo intervistato gli Aula39, una band italiana formata da quattro ragazzi: Agostino, Luca, Manuel e Giovanni con una fortissima passione per la musicaaula39 nuovo album

Seguitissimi sui sociali godono di un pubblico internazionale.  Solo su Facebook sono seguiti da oltre 190.000 followers da tutto il mondo e il loro canale YouTube ha da poco superato i 105.000 iscritti, consentendo loro di ottenere anche il prestigioso “Silver Button”, il riconoscimento di YouTube per i canali che superano i 100.000 iscritti.

Il loro nome non è casuale: i quattro giovani sono studenti universitari e passano intere giornate dentro le aule per studiare, crescere e sperimentare cose nuove con la musica. Il 39 invece è il numero civico dello studio di Roma in cui i ragazzi provano.

aula39 nuovo album

Parlateci un po’ di voi, chi siete?

Siamo gli Aula39 (Agostino, Luca, Manuel e Giovanni), una band vocale, abbiamo tra i 22 e i 25 anni, una grande passione per la musica e tanti sogni in comune.

Veniamo da diverse parti d’Italia, da Verona a Palermo, passando per il Salento, anche se ormai viviamo e lavoriamo tutti insieme a Roma.

Musicalmente, prediligiamo l’uso delle voci e dell’armonia, che mettiamo in luce molto spesso cantando a cappella, ma suoniamo tutti almeno 2 strumenti musicali a testa.

Ed è proprio questo che ci contraddistingue, perchè siamo un giusto compromesso tra una band che suona e un gruppo vocale.

 

Quando avete capito che la musica poteva diventare parte della vostra vita?

Singolarmente, ognuno di noi ha avuto un percorso differente con la musica, ma l’abbiamo conosciuta tutti in età molto giovane e ce ne siamo appassionati. Come tutte le passioni, anche per noi è iniziata come un hobby, un passatempo. Man mano che passavano gli anni, accumulando esperienze, abbiamo capito che era il nostro sogno e abbiamo iniziato a inseguirlo con tutte le nostre forze.

Quando poi ci siamo conosciuti e abbiamo dato vita a questa band, quella passione di ognuno si è trasformata in un vero e proprio lavoro, quindi ora la musica è interamente parte della nostra vita.

aula39 nuovo album

Quando è nata l’idea di creare il gruppo AULA39?

 Il gruppo è nato ormai 4 anni e mezzo fa: ci siamo conosciuti nel backstage di un concorso canoro a Roma, dove ognuno di noi partecipava come solista.

Grazie a Facebook abbiamo mantenuto attivi i contatti nonostante la distanza, fino a quando un giorno non ci è venuto in mente di provare a fare questa pazzia per la musica: dar vita ad un gruppo che potesse fare tanta musica insieme, oltrepassando la barriera della distanza geografica.

Abbiamo iniziato a vederci prima periodicamente a Roma, ospitati da Manuel che vi studia all’università, poi però 2 anni fa abbiamo deciso di andare a vivere tutti insieme nella Capitale.

aula39 nuovo album

Perché avete deciso di aprire un canale? Quanto è importante la visibilità in rete per avere successo?

 I social network e i talent show, al giorno d’oggi, sono 2 delle possibilità più diffuse tra i giovani che vogliono fare della musica il proprio lavoro.

Noi, personalmente, abbiamo iniziato lavorando esclusivamente sui social, ma durante il nostro percorso abbiamo provato anche la strada dei talent show ma non siamo riusciti ad esprimerci al meglio.

La visibilità in rete è, senza dubbio, importante per arrivare ad un pubblico sempre più vasto, ma per avere realmente successo essa deve essere accompagnata da un’intensa attività live o comunque da altre attività che vadano al di fuori del web, che permettano di fidelizzare il pubblico che ti segue virtualmente e di farne il proprio punto di forza.

 

Su quali canali social riscontrate maggior partecipazione dal vostro pubblico. Secondo voi perché?

Nei primi 3 anni della nostra storia di band, il nostro principale punto di riferimento sui social network è stata la nostra pagina Facebook, sui cui c’è sempre stato il maggior numero di pubblico attivo e i principali riscontri in termini di like e visualizzazioni dei nostri contenuti.

Questo perchè, grazie alla possibilità che Facebook dà di poter condividere post e link con altre persone, i nostri video sono quasi sempre diventati virali.

Durante quest’anno, però, abbiamo raggiunto finalmente un’esplosione di tutti gli altri social, su cui siamo sempre stati presenti dall’inizio, anche se con minori risultati.

 

I vostri video sono molto seguiti e c’è un grande pubblico che vi supporta, avete mai incontrato i vostri fan? Che rapporto c’è con loro?

Innanzitutto ci fa molto piacere avere un pubblico internazionale! Oltre all’Italia, abbiamo un sacco di followers dall’Oriente (India, Filippine…), dal resto dell’Europa, dal Nord Africa e dall’America (Stati Uniti, Brasile…).

aula39 nuovo album

Comunque si, abbiamo incontrato i nostri fan (i 39ers) in diverse occasioni ed eventi, i nostri live prima di tutto, e sono sempre stati carinissimi, regalandoci un sacco di cartelloni e pensierini che custodiamo con molto piacere.

Abbiamo incontrato per la prima volta anche i nostri fan  fuori dall’Italia, quando lo scorso Ottobre siamo stati in Belgio per un live. E’ stato molto emozionante.

 

Attualmente che progetti avete?

Attualmente il nostro principale progetto è l’uscita del nostro 2° lavoro discografico, distribuito da Sony Music Italy, con cui abbiamo firmato la scorsa estate.

Non vediamo l’ora di far ascoltare i nostri nuovi pezzi inediti al nostro pubblico e di portare in giro per l’Italia la nostra musica.

Quindi, oltre al nuovo disco, anche tanti live e altre iniziative che sveleremo man mano sui nostri canali.

Avete dei consigli, dei suggerimenti da dare ai ragazzi che come voi sognano la strada della musica?

 Il principale consiglio che ci sentiamo di dare è quello che abbiamo sempre messo in atto noi: una volta trovata la vostra identità artistica, se credete realmente in quello che fate, insistete e non mollate mai. Impegnatevi e lavorate, perchè a lungo andare il lavoro paga.

Se non si molla, prima o poi i risultati arrivano. Se si molla, invece, sicuramente non si ottiene niente e si mandano all’aria anni di spese e di sacrifici. Quindi, ripetiamo, se credete ne valga la pena insistere con il vostro sogno, perseverate!

aula39 nuovo album

Per chi ancora non li seguisse vi consigliamo di cliccare sulle loro pagine social per poter godere della loro splendida musica.

 

Seguiteci sempre su Musicaccia.com

 

 

LASCIA UN COMMENTO