“Conseguenze”Chainsmoker coronavirus Hamptons polemica

Abbiamo già assistito a questi scenari, ma pensavamo che la situazione si fosse “calmata” considerandone i recenti sviluppi. Un concerto, come al solito, rischia ogni volta di trasformarsi in un potenziale focolaio di coronavirus. I Chainsmokers e gli organizzatori della loro esibizione dello scorso sabato a Long Island, New York, sono finiti nei guai perché nel corso dell’evento – ospitato da un terreno da 40 ettari – sono state ignorate le misure anti-Covid che impongono anzitutto il rispetto della distanza di sicurezza tra gli spettatori.Chainsmoker coronavirus Hamptons polemica

Gli spettatori avrebbero dovuto assistere allo show del duo di musica elettronica, che negli ultimi anni ha piazzato. non poche hit ai primi posti delle classifiche mondiali (da “Roses” a “Something just like this”, con i Coldplay, passando per la collaborazione con la popstar Halsey su “Closer”), all’interno delle rispettive automobili o. comunque del perimetro in cui avevano parcheggiato. Qualcosa, però, è andato storto.

Gli spettatori sono infatti scesi dai veicoli e si sono. accalcati sotto il palco per ballare, senza rispettare. la distanza di sicurezza. Ironia della sorte, lo spettacolo. era stato battezzato “Safe & Sound” (e ora c’è preoccupazione perché dopo New York il duo si esibirà con lo stesso show. anche a Los Angeles, Atlanta, Nashville e Chicago). Il governatore dello stato di New. York Andrew Cuomo ha fatto sapere che il dipartimento della salute New York ha già aperto un’indagine su quanto accaduto. sabato sera al concerto dei Chainsmokers: “Sono sconvolto. Non è tollerabile”, ha tuonato.

Gli organizzatori dell’evento hanno dichiarato al Times di aver fatto il possibile per rispettare le norme anti-Covid, misurando la temperatura all’ingresso, incoraggiando l’uso della mascherina, sottolineato l’importanza di rispettare il distanziamento fisico. Nessun commento, per ora, da parte del duo.

“Effetti collaterali”

Molti concerti sono stati annullati. proprio per sopperire l’altissima probabilità di casi contagio. Abbiamo assistito a numerosi rinvii e posticipazioni, ma anche a concerti organizzati con le giuste regole di sicurezza, per questo non vogliamo puntare il dito generalizzando la situazione ma continuiamo ad essere convinti che il mondo non abbia ancora preso coscienza della gravità. del momento (vedi gli ultimi risvolti americani). Sopratutto in America non si spiega questo letterale “menefreghismo” generale, come se la questione degli scontri. nelle piazze e nelle vie di New York sia prettamente legata a problematiche di razzismo, politiche e sociali, dimenticando la rischiosa pandemia che da diversi mesi a questa parte ha messo in ginocchio il mondo intero. Il governo di Donald Trump dimostra di non aver preso posizione decisa sulla questione Coronavirus, portando avanti una campagna politica completamente errata sotto ogni punto di vista.

 

Chainsmoker coronavirus Hamptons polemica

 

Continuate a seguirci su Musicaccia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui