Home News Fennesz: “l’errore imprevisto” il lato nascosto della glitch music

Fennesz: “l’errore imprevisto” il lato nascosto della glitch music

23
0
CONDIVIDI
Fennesz errore

Fennesz l’arte dell’ errore imprevisto Fennesz errore

L’austriaco Christian Fennesz è uno dei più importanti esponenti della glitch-music. Genere di  musica in cui il protagonista indiscusso diventa “ l’errore imprevisto”. Quest’ultimo è volutamente causato da erronei utilizzi di software, volti a “sporcare” anzichè  migliorare la qualità sonora. L’errore giunge alle volte persino alla distruzione della strumentazione utilizzata. Il “malfunzionamento” è cosi considerato positivo, diventando il “lato nascosto”. Ed è questo il concetto della glitch-music a cui si dedica il nostro musicista austriaco. Fennetsz  all’ età di otto anni iniziò a studiare in conservatorio, diplomandosi in quello che diverrà il suo strumento, la chitarra. Inoltre frequentò anche l’accademia di belle arti. Fennesz errore

Fennesz errore

Metodo e primi approcci al glitch

Le sue prime esperienze volte all’ambiente musicale sono quasi tutte performance live, a sostegno di altri musicisti come ad esempio il duo Jim O’ Rourke. Fennetsz Come già citato precedentemente è  principalmente un chitarrista, l’austriaco estrae l’anima più oscura e nascosta del suo strumento, dotandosi  per quest’operazione di una strumentazione del tutto digitale. Composta da campionatori, processori, programmi di produzione sonora,  il tutto conservato comodamente nel suo laptop. Il suo debutto sulla scena avviene nel 1995 con l’Ep Instrument, in edizione limitata e in solo formato vinile. Non avendo ancora uno stile ben preciso sperimenta avvicinandosi allo stile ambient-techno di Aphex Twin e Autechre. Due anni dopo arriva l’album Hotel Paral  è considerata una delle produzioni più difficile all’ascolto. Pur non essendo propriamente manifesto del glitch, è reputato uno dei migliori lavori del movimento. Fennesz errore

Le metamorfosi di Fennesz

Nel 1999 esce invece il secondo lavoro del musicista austriaco, primo album pubblicato con la Touch: Plus Forty Seven Degrees 56′ 37″ Minus Sixteen Degrees 51′ 08 che segna la temporanea congiunzione del glitch puro, una forma dello stesso, estremizzata e corposa, all’ascolto si viene trasportati in una dimensione metafisica paragonabile a niente e nessuno.Nel  terzo album Endless Summer l’austriaco rivoluziona la sua modalità di lavoro, ciò che prima era il fine (l’estetica) diviene il mezzo (lo strumento), avviene così il progressivo allontanamento dallo stile glitch e l’avvicinamento a sonorità maggiormente contemplative e ambientali, date da nuovi suoni derivanti direttamente dalla chitarra.

Collaborazioni e fusioni di stile

Il musicista da luce anche a una grande varietà di Ep come ad esempio: Il Libro Mio Fennesz Plays nel quale si diletta e diverte nel “violentare” due capisaldi come i Rolling Stones e i Beach Boys. Una delle più importanti esperienze di collaborazione avvenuta nella sua carriera, è  data dall’unione con Peter Rehberg e Jim O’Rourke. Il trio Fenn O’Berg è impegnato in performance di carattere live e sempre legate all’improvvisazione. La fusione dei diversi stili di composizione hanno dato vita a quattro album: The Magic Sound Of Fenn O’ BergThe Return Of Fenn O’Berg, due dei quali sono delle in formato Ep: In Hell e In stereo. Fennesz errore

Fennesz errore

Continuate a seguirci su Musicaccia

LASCIA UN COMMENTO