La carriera discografica di Fiorella Mannoia, che oggi compie gli anni, è iniziata sul finire degli anni Sessanta ma è decollata all’inizio degli anni Ottanta. fiorella mannoia successo compleanno

fiorella mannoia successo compleanno

L’artista romana, nata il 4 aprile 1954, è una delle voci più amate della musica italiana. Alle spalle ha 39 album, 5 film e il record di vittorie di “Targhe Tenco”.
Sono passati 21 anni dall’uscita di “Non sono un cantautore”, canzone del 1997 che lei ha reso il suo biglietto da visita. Un brano che sembrava ritagliato sull’artista romana per spiegare ciò che non era, ma anche tutte le cose che invece rappresentava. Il 4 aprile Fiorella compie 64 anni, vissuti come una delle più grandi interpreti della musica leggera italiana.

Il suo inizio fiorella mannoia successo compleanno

fiorella mannoia successo compleanno

Non tutti sanno che l’esordio artistico di Fiorella Mannoia è avvenuto nel mondo del cinema. Figlia dello stuntman siciliano Luigi Mannoia, Fiorella, come i suoi due fratelli, Maurizio e Patrizia, inizia la carriera artistica varcando la soglia della settima arte come controfigura di Lucia Mannucci e poi di Monica Vitti in diversi film. Dopo alcune partecipazioni, esordisce nella musica al Festival di Castrocaro del 1968 dove interpreta “Un bimbo sul leone”, di Adriano Celentano. L’esperienza la porta a firmare il suo primo contratto discografico e ad incidere il suo primo 45 giri. Nel 1970 incontra Memmo Foresi con il quale inizierà un rapporto professionale solidissimo e che la porterà a incidere il suo primo album dal titolo “Mannoia Foresi & Co”.

Gli anni Ottanta e il successo fiorella mannoia successo compleanno

fiorella mannoia successo compleanno

Legata alla grande stagione del cantautorato degli anni Ottanta, Fiorella mette a segno a partire dall’inizio di quel decennio una serie di successi che la faranno affermare nel panorama musicale italiano.

Nel 1980 incide con Pierangelo Bertoli “Pescatore”, uno dei duetti più famosi del periodo. L’anno successivo “Caffè nero bollente” che si classifica undicesima al Festival di Sanremo, ma che ancora oggi rappresenta uno dei suoi brani più amati.
Nel 1983 si avvicina a Mario Lavezzi e partecipa a diversi Festivalbar e altre rassegne canore. Lavezzi e Mogol scrivono per lei “Momento delicato”.
Due anni dopo è di nuovo a Sanremo dove partecipa con “Quello che le donne non dicono”. Il brano, scritto da Enrico Ruggeri e Luigi Schiavone ottiene il Premio della Critica e il posto d’onore nel suo repertorio musicale.
Nel 1988 ancora Sanremo e ancora Premio della Critica con il brano scritto per lei da Ivano Fossati “Le notti di maggio”. Un trampolino di lancio per l’album di quell’anno “Canzoni per parlare” che le vale la prima delle sei Targhe Tenco ottenute in carriera come miglior interprete. Gli anni Ottanta si chiudono per Fiorella con l’album “Di terra e di vento” e brani capolavoro come “Baia senza vento”, “Lunaspina” e “O que será”. fiorella mannoia successo compleanno

Conoscevate le canzoni dei suoi “anni d’oro”? Vi piace?
Ne approfittiamo per farle tanti auguri. Che continui ad avere una lunga carriera, piena di successi!

fiorella mannoia successo compleanno

Seguiteci su Musicaccia

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui