Home Artisti emergenti Gaia Gentile: finalmente l’attesa è finita! Fuori il brano Speriam!

Gaia Gentile: finalmente l’attesa è finita! Fuori il brano Speriam!

5
0
CONDIVIDI
Gaia Gentile Speriam video

Per Gaia Gentile l’attesa è finalmente finita! Oggi è uscito ufficialmente in tutta Italia il suo nuovo brano “Speriam”, un brano frizzante e brioso misto alla tradizione della musica italiana.Gaia Gentile Speriam video

Un altro grande traguardo per la giovane cantautrice pugliese. Un brano che parla di speranza, che invita a non perdere mai la speranza e a credere nei propri sogni.Gaia Gentile Speriam video

Gaia Gentile Speriam video

Un brano che sa anche molto di sud con le sue ambientazioni nei luoghi caratteristici pugliesi e della natura, ma anche con l’inserimento del tipico dialetto cassarese.

Sarà possibile ascoltare il brano in tutte le piattaforme come Youtube, Spotfy, Facebook ed Instagram.

In occasione dell’uscita del suo nuovo brano, Gaia ha voluto fare due chiacchiere con noi di Musicaccia per parlarci della sua Speriam.Gaia Gentile Speriam video

Gaia finalmente un altro tuo grande sogno si è realizzato con l’uscita del brano Speriam, come ti senti?

Sono super euforica, davvero felice perchè finalmente riesco a fare uscire il mio pezzo. Cosa che per chi si auto produce non è per nulla facile. Ci ho messo tutta l’energia, tuttala carica possibile e non vedo l’ora di raccogliere un po’ di gioie dal brano, ma sono già felicissima per tutto questo.

Approfondendo meglio il testo: di cosa parla Speriam?Gaia Gentile Speriam video

Speriam parla di una “terrona”, ovvero io, con le sue speranze e con l’amore verso le sue radici, verso il suo paese che spera anche di ritrovare un suo equilibrio sia interiore che umano nel mondo. Perchè come si sa “la speranza è l’ultima a morire”.

Il tema principale del brano è la speranza: cosa vuol dire per te speranza?

La speranza è per me spegnere la candelina oppure esprimere il desiderio quando vedi una stella cadente. la speranza è quella cosa che ti fa sentire vivo, che ti dà l’ottimismo per pensare positivo domani.

Gaia Gentile Speriam video

Speriam al primo ascolto sembra subito essere coinvolgente, frizzante:a quale genere musicale o artista ti sei ispirata per realizzare il brano?

Ispirarmi ad un’artista no, ma di base c’è l’amore per le contaminazioni del jazz, per il soul. Però c’è il moderno misto alla tradizione italiana della canzone. Una canzone orecchiabile ma fresca.Gaia Gentile Speriam video

C’è un messaggio particolare che vuole trasmettere Speriam?

Il messaggio che voglio trasmettere attraverso Speriam è quello appunto di continuare sempre a sperare e non perdere mai la speranza. Quando, durante la giornata, ci viene in mente di dire “speriam che tutto vada bene”, vorrei che a tutti venisse in mente il mio brano. Bisogna anche ricordarsi che al mondo siamo tanti a sperare e che un domani ci sia realmente la possibilità che i nostri sogni si avverino.

Parlando invece del video musicale, com’è stato realizzato e chi c’è dietro tutto il montaggio?

Il videoclip è stato realizzato insieme all’aiuto del mio caro amico Mimmo Greco, con il quale ho iniziato a fare tutti i miei video. Lui aveva la sua idea ed io la mia, per cui abbiamo unito le nostre idee ed è venuta fuori Speriam.

Le riprese del video di Speriam invece dove sono state realizzate?

Le riprese del videoclip sono state girate nel mio paese, nei posti più salienti e caratteristici. In mezzo ai campi dove io amo stare dal momento che sono un’amante della natura.

Gaia Gentile Speriam video

Com’è stato per te girare il videoclip?

Le aspettative che ripongo in Speriam sono quelle di far ascoltare e conoscere la mia musica il più possibile. Esaltare il mio modo di scrivere che abbraccia il moderno, la mia genuinità. Voglio in questo modo anche omaggiare la mia terra, i miei compaesani

In Speriam si può notare l’inserimento di una parte in dialetto cassanese: cosa ti ha spinto a farlo?

Ho scelto di inserire una parte in dialetto perchè era la parte parlata. È anche un modo per rappresentare un po’ me stessa, perchè quando nella vita sono arrabbiata la prima cosa che faccio è parlare in dialetto. È proprio un parlare liberatorio per cercare di essere il più diretta possibile. Ecco anche perchè la scelta proprio del dialetto cassanese.

Andate subito ad ascoltare il brano. Se non lo avete ancora fatto vi lasciamo qui il link diretto per vederlo.

Continuate a seguirci su Musicaccia.

LASCIA UN COMMENTO