Home News “Immensità”, lo spazio onirico della realtà: il sogno di Andrea Laszlo De...

“Immensità”, lo spazio onirico della realtà: il sogno di Andrea Laszlo De Simone

5
0
CONDIVIDI
Immensità streaming album ita

L’invenzione del “reale” Immensità streaming album ita

Già con il suo album di debutto “Uomo donna”, l’artista torinese si era già affermato meglio che poteva; un musicista da tenere d’occhio e che, a due anni dal suo ultimo lavoro discografico, ritorna sulla scena con un nuovo progetto. Andrea Laszlo De Simone presenta “Immensità”, un album dove la ricerca musicale e l’introspezione emotiva la fa da padrona. L’album è composto da sequenze ben precise: un preludio, un primo, un secondo e un terzo interludio, concludendosi con la sua “fine”. Un concept album che va ascoltato per intero, senza interruzioni, infatti  è fruibile come traccia unica di venticinque minuti e sedici secondi, sia su vinile che in digitale; ma anche  disponibile in versione digitale diviso per brani.Immensità streaming album ita

Immensità streaming album ita

Sogno e realtà

Il nuovo lavoro del musicista torinese si apre con “Il sogno”, un preludio strumentale in cui prevale il suono del flicorno finché un coro angelico introduce l’ascoltatore alla prima canzone del disco. De Simone canta “Immensità” quasi assoggettato dalla sua energia, in preda al torpore e alle emozioni dell’inizio del viaggio, quasi prendendone coscienza man mano che scorrono i minuti. L’interludio primo è “La realtà”, seguito dal brano “La nostra fine” in cui il suono di archi e percussioni incalza e sveglia il sognatore, che deve affrontare la fine di una relazione e la vita che “sceglie per noi”.Immensità streaming album ita

Lo spazio contemplativo

Nelle canzoni si colgono citazioni ai maestri del cantautorato italiano, in particolar modo a Lucio Battisti – già evidenti nel disco “Uomo donna” – ma Andrea Laszlo De Simone guarda a loro con rispetto, senza presunzione e senza imitarli, con l’eleganza di chi guarda al passato, consapevole del presente, per sperimentare un proprio mondo di suoni. Nell’interludio secondo, “Lo spazio”, la musica – in cui non mancano riferimenti ai Radiohead – si traduce in una folata di vento che lascia poi spazio all’arpeggio di chitarra e ai violini del brano “Mistero” in cui, nel ritmo che incalza, suoni elettronici si confondono a strumenti classici.

Il mistero, chiusura, fine

Il ripetersi della parola “mistero” sul finire del pezzo, che dà l’idea di voler essere una domanda più che riferirsi a un’entità, si perde nella melodia di pianoforte e flauto per introdurre l’interludio terzo, “Il tempo”.Il rumore della pioggia apre l’ultima parte e la canzone “Conchiglie” è introdotta dall’arpeggio di una chitarra; una dolcezza che accompagna l’ascoltatore tra le linee del sogno, e di come questo si tramuta, poi, in realtà. Al finire dell’ultima canzone, sul rumore della pioggia, si insinua in modo inaspettato la sinfonia della conclusione: una musica che avanza con prepotenza, che di sfuggita ricorda la coda del “Boléro” composto da Maurice Ravel – tra percussioni, tromboni e un accordo dissonante – e che poi, scemando, chiude il disco “Immensità”.

 

Tracklist

01. Preludio: Il sogno
02. Capitolo I: Immensità
03. Interludio primo: La realtà
04. Capitolo II: La nostra fine
05. Interludio secondo: Lo spazio
06. Capitolo III: Mistero
07. Interludio terzo: Il tempo
08. Capitolo IV: Conchiglie
09. Conclusione

 

Immensità streaming album ita

Continuate a seguirci su Musicaccia

LASCIA UN COMMENTO