Home News Manuel Agnelli e le sue anticipazioni su X-Factor 11

Manuel Agnelli e le sue anticipazioni su X-Factor 11

514
0
CONDIVIDI
Manuel Agnelli anticipazioni X-Factor 11

Mancano pochissimi giorni all’inizio della nuova edizione dell’amatissimo e seguitissimo X-Factor che quest’anno è giunto alla sua undicesima edizione. Manuel Agnelli anticipazioni X-Factor 11

Il talent sarà in onda dal 14 settembre su Sky Uno HD alle 21.15.

Per chi non lo sapesse quest’anno i giudici scelti sono: Fedez, alla sua quarta volta, Mara Maionchi, giudice delle prime quattro edizioni Rai, la new entry Levante e Manuel Agnelli, riconfermato dopo l’esordio dello scorso anno.

Recentemente proprio Manuel, il mitico leader degli Afterhours, ha rilasciato un’ intervista su Repubblica in cui ha espresso il suo parere riguardo i suoi colleghi con cui affronterà questa sua seconda edizione di X-Factor Italia.

Su Levante

X Factor è stata coraggiosa: ha scelto Levante che è una persona non superfamosa, giovanissima e che viene da un ambiente in cui ci si fa da soli: non un attore, non un personaggio della tv, ma una musicista. E questo il pubblico continua a non capirlo: si chiede ‘chi è?’, ‘cosa fa?’. Be’, è una persona vera, che sta facendo qualcosa, non un’opinionista, un tronista, ma una che ha voce in capitolo e già questo per me significa fare televisione alta”.

Su Mara Maionchi

“È una grandissima professionista con una cultura pazzesca sul cantautorato non solo italiano, per cui il confronto con lei è sempre interessante. E poi è molto simpatica”.

Su Fedez

“Mah, in realtà lui non è solo hip-hop viene anche dal pop punk di gruppi come i Blink-182 o gli Offspring e ha un fiuto per le cose più mainstream, una caratteristica che unisce alla capacità di interagire bene con le nuove tecnologie”

Inoltre Manuel ha anche dato qualche anticipazione riguardo i ragazzi che molto probabilmente saranno nella sua squadra di quest’anno.

“Ho visto alcuni musicisti che hanno una personalità molto forte. Secondo certi canoni non hanno troppe possibilità ma secondo me non è detto, perché vista la banalità di quello che si ascolta oggi in giro forse vale la pena osare con qualcosa di più libero, anche se più impegnativo. I ragazzi con cui lavorerò scrivono già i loro pezzi, per cui partono con un’altra impostazione”.

LASCIA UN COMMENTO