Il ritorno di Katy Perry Smile Perry singolo recensione

Sono passati dieci anni da quando il mega-blockbuster di Katy Perry Teenage Dream, primo album ad avere cinque singoli in cima alle classiche dai tempi di Bad di Michael Jackson, ha creato aspettative stratosferiche attorno al pop californiano del 21esimo secolo.Smile Perry singolo recensione

Dare un seguito a un disco così non è facile. Esattamente come il Michael Jackson post Bad, anche Perry ha faticato a produrre album dello stesso livello. Non è riuscita a stare al passo con l’evoluzione del pop globale, che è diventato sempre più ambizioso e artistico, né con l’introspettivo e stilisticamente vario Prism (2013), né col terapeutico Witness (2017). Smile dimostra se non altro che la popstar ha smesso di inseguire le Halsey di questo mondo per restare nel suo, ovvero il roboante pop da stadio.

“Sono pronta per un’estate senza vergogna / lo champagne in fresco rende più forti”, canta in Cry About It Later. Co-prodotta da Zedd, Never Really Over ammicca ai gusti dei fan a colpi di sintetizzatori da discoteca, colpi di rullante marziali e la voce di Perry che trasforma ogni nota in polvere d’oro. In Teary Eyes la popstar scivola su un arrangiamento setoso in stile house music, mentre Tucked è roba disco di prim’ordine. Charlie Puth co-firma Harleys in Hawaii, una fuga su un’isola a base di r&b che parla di guidare da pazzi, inseguire arcobaleni e ballare “l’hula l’hula l’hula” andando in “gioielleria, gioielleria, gioielleria”.

Smile Perry singolo recensione

La goffaggine che fa successo

Ovviamente, Smile non sarebbe un vero disco di Katy Perry senza qualche testo goffo e imbarazzante. Sappiate che nemmeno questa volta la signora delude. “Hanno cercato di buttarmi giù / Ma ho preso i loro bastoni e le loro pietre / e ho mostrato che posso usarli per costruire una casa”, canta nel diluvio di empowerment Daisies, a cui segue Resilient, un altro pezzo galattico dedicato al tema “sono un fiore cresciuto nel cemento”.

Nel promuovere l’album Katy Perry ha detto che tutto è iniziato con la depressione scatenata dalla separazione un paio d’anni fa da Orlando Bloom, con cui è nuovamente fidanzata. Ma nonostante il disco sia pieno di lacrimoni, Katy supera ogni ostacolo ricordando a se stessa che è perfettamente ok essere felicemente fidanzata con Legolas. “Abbiamo fatto il lavoro sporco / E ora sappiamo che ne vale la pena”, canta sul beat a base d’archi e Bee Gees di Champagne Problems.

L’insetto nella coppa di champagne è rappresentato dall’ultimo pezzo in scaletta, What Makes a Woman. Se esiste un modo per essere condiscendente verso di sé, Perry l’ha trovato: “Mi sento più bella quando faccio quel che cazzo che mi pare”, canta. E poi: “Ho bisogno di fazzoletti per i miei problemi / e cerotti per il cuore”. Il resto dell’album, però, è il lavoro di una cantante che ha riconquistato il paradiso del pop.

 

Smile Perry singolo recensione

Continuate a seguirci su Musicaccia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui