Home News Will & Grace: un pugno arcobaleno sulla faccia (arancione) di Trump

Will & Grace: un pugno arcobaleno sulla faccia (arancione) di Trump

642
0
CONDIVIDI
Wil & Grace Nuova Stagione Recensione

Attivismo politico, risate, battute sconce, alcol e ancora risate nella nuova stagione.

«Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi » scriveva Tomasi di Lampedusa nel Gattopardo e con Will & Grace questa citazione prende tutto un altro sapore: via i corsetti e le gonnellone ampie e diamo il benvenuto all’attualità, al sarcasmo, alla satira politica, il tutto condito con Martini Dry e diritti LGBT.Wil & Grace Nuova Stagione Recensione

Due parole sul passato.Wil & Grace Nuova Stagione Recensione

Wil & Grace Nuova Stagione Recensione
Will & Grace è una situation comedy statunitense creata da David Kohan e Max Mutchnick e trasmessa negli Stati Uniti dalla NBC dal 1998 e al 2006 e in Italia su Italia 1, Fox, La5, Fox Comedy, VH1 e Paramount Channel.

La storia la conosciamo tutti: un uomo gay e la sua migliore amica arredatrice etero ma sfortunata in amore vivono a New York.Wil & Grace Nuova Stagione Recensione

Ad accompagnarli per le strade della grande mela ci sono una soon-to-be divorziata milionaria e con seri problemi di alcolismo e un uomo gay eccentrico ed esuberante: praticamente un Sex and The city, ma con molti più stereotipi.

Ciò che rende questa serie unica e non la solita commedia è proprio la dirompenza con cui porta dal 1998 ad oggi (considerando le varie repliche e binge-watching disponibili sulle varie piattaforme online), nella quotidianità di ogni telespettatore, la realtà gay e i suoi attori principali alla portata delle famiglie.

I telespettatori, che siano uomini o donne, infatti perdono la percezione delle differenze di genere grazie alla presenza della eccessiva stereotipizzazione dei personaggi, conferendo loro caratteristiche di entrambe le sfere, maschile e femminile: vediamo si Will come uomo in carriera ma ci viene presentato anche con episodi di stravaganza gay o isterismo che lo rendono una caricatura del mondo omosessuale.

Questo da agli spettatori la possibilità di identificarsi anche con personaggi del genere opposto al loro: un uomo d’affari può sentirsi affiliato al mondo di Grace, la donna, mentre una casalinga di mezza età può meglio relazionarsi con l’isterismo affettivo di Jack, esuberante vicino di casa.Wil & Grace Nuova Stagione Recensione

Questa estrema caricaturizzazione, alla base del sistema di Will & Grace, però, oggi non sarebbe attuale viste le continue lotte LGBT e la presenza costante nei palinsesti mondiali di serie tv gay friendly, che facciano abbandonare l’idea del mondo omosessuale come popolato solo da personaggi da circo, per nulla reali o a 360 gradi.

Cosa è cambiato oggi.

Wil & Grace Nuova Stagione Recensione

Come hanno risolto dunque questo anacronismo? Farcendolo di satira politica, sarcasmo, battute intelligenti e alzando il livello culturale di tutta la serie portandolo ad “attivismo politico” e non limitandosi alla semplice risata.

Per tutta la prima puntata di questa nuova stagione, ci sono continui riferimenti alla politica interna ed esterna di Trump, loro acerrimo nemico, che viene banalizzata, calpestata, derisa e rigettata allo spettatore come battuta ad alti livelli: nessuno può far a meno di ridere, simpatizzanti di Trump compresi.Wil & Grace Nuova Stagione Recensione

Non mancano certo i riferimenti alle vecchie stagioni, o battute più lievi e leggere, ma quello che ha carica rivoluzionaria è proprio il far ridere sull’attualità, utilizzando un format che è anziano dal punto di vista di trama e personaggi.

Cambiano dunque i contenuti per non far apparire la serie come stantìa ma mantenerla all’alto livello di comicità che ha sempre avuto, e dunque per non far cambiare nulla.

Continuate a seguirci su Musicaccia

Wil & Grace Nuova Stagione Recensione

LASCIA UN COMMENTO