Home Eventi Banco del Mutuo Soccorso: il miglior progressive italiano di sempre.

Banco del Mutuo Soccorso: il miglior progressive italiano di sempre.

63
0
CONDIVIDI

Il progressive italiano è realeBanco gulag prog

La storica band Banco del Mutuo Soccorso è stata nominata per l’ottava edizione dei Progressive Music Awards, che si terranno all’Underglobe di Londra il prossimo 12 settembre, nella categoria “Best International Band/Artist Of The Year”.  La band italiana capeggiata dall’artista Vittorio Nocenzi ha di recente pubblicato l’album “Transiberiana”. L’ultimo album si è presentato sul mercato discografico dopo 25 anni di assenza- Il Banco del Mutuo Soccorso, questo fine settimana, sarà impegnato in tre instore dove incontrerà il pubblico. Questi gli appuntamenti:Banco gulag prog

Sabato 15/6, BOLOGNA @Semm Music, ore 19.30
Domenica 16/6, MILANO @Mondadori Duomo, ore 18.00
Lunedì 17/6, FIRENZE @Libreria Il Libraccio, ore 18.30

Banco gulag prog

Gulag, lupi, e speranze

Transiberiana è uno degli album più “concreti” del gruppo progressive italiano. Ritornano dopo tanti anni di assenza, sfornando un lavoro che è ricco di invenzioni musicali. Il Banco del Mutuo Soccorso conferma la sua fama mondiale: annoverati tra le più grandi band del panorama prog internazionale, con “Transiberiana” il gruppo non perde questo titolo. Un concept album: un viaggio immaginario sulla linea ferroviaria che attraversa l’Asia fra panorami magnifici, incidenti, lotte coi lupi, ruderi di gulag, nevicate favolose e l’arrivo, infine, sull’oceano. “Transiberiana” è anche il primo disco in studio senza il cantante Francesco Di Giacomo e il chitarrista Rodolfo Maltese. Non è un lavoro nostalgico, ma un concept dai timbri vividi che vuole raccontare la crisi della contemporaneità. Banco gulag prog

La Transiberiana è il viaggio più lungo che si possa fare su questo pianeta”, dice Nocenzi. “Nel disco, diventa metafora del viaggio della vita. Raccontiamo difficoltà, sogni, speranze, aspettative, stupori, meraviglie. E poi la Siberia è una terra estrema. Anche questa è una metafora per i tempi estremi che viviamo, sul baratro della catastrofe ambientale e con la globalizzazione che annienta la centralità della conoscenza. Questo è un concept contro il degrado del vivere contemporaneo dominato da ignoranti presuntuosi e fanatici integralisti. Credo che ogni arista debba offrire una tensione etica”.Banco gulag prog

Banco gulag prog

Tracklist

  1. Stelle sulla terra: La partenza\Cavalli sull’altopiano\Perché, perché, perché (6:06)
  2. L’imprevisto (3:29)
  3. La discesa dal treno: Fermi ed agitati come tende al vento\Come nell’Ade (6:16)
  4. L’assalto dei lupi (5:35)
  5. Campi di Fragole (3:36)
  6. Lo sciamano (4:01)
  7. Eterna Transiberiana (6:20)
  8. I ruderi del gulag (6:06)
  9. Lasciando alle spalle (1:47)
  10. Il grande bianco (6:33)
  11. Oceano: Strade di sale (3:39)

Tracce Bonus

  1. Metamorfosi (Live at Festival Prog di Veruno 2018) (9:43)
  2. Il ragno (Live at Festival Prog di Veruno 2018) (5:43)

 

 

 

Continuate a seguirci su Musicaccia

LASCIA UN COMMENTO