Home Classifiche Sanremo story: ecco le 5 canzoni più brutte ascoltate al festival

Sanremo story: ecco le 5 canzoni più brutte ascoltate al festival

1890
0
CONDIVIDI
sanremo canzoni brutte

Ci siamo quasi… il festival sta tornando. sanremo canzoni brutte

Il tanto atteso festival di Sanremo ha le ore contate, tra pochissimi giorni Claudio Baglioni e company apriranno “le danze” di quello che storicamente è l’evento più atteso da tutti gli Italiani.

E smettetela di dire “io non guardo il festival” che tanto lo sappiamo che da martedì sarete tutti incollati alla tv!

Nonostante il Festival di Sanremo sia il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, non dimentichiamoci che le vere protagoniste sono le canzoni.

Canzoni che, purtroppo, molto spesso sono un vero colpo al cuore per l’alto tasso di bruttezza che presentano.

Vogliamo essere ironici e non troppo cattivi e vogliamo presentarvi giusto le 5 canzoni che hanno segnato il festival negativamente, dato il loro essere inascoltabili!

Siamo pronti? Cominciamo…

1. Lollipop- Batte forte

Vincono il premio “stonate del festival” le Lollipop, le 5 Spice Girls Italiane vincitrici del primo vero talent musicale Popstars.

Con maestria e scarsi passi di danza Marcella, Marta, Veronica, Roberta e Dominique, si dimenticarono che erano venute al festival per cantare riuscendo a stonare su tutto il brano.

Per quei fortunati che non hanno mai visto l’esibizione eccola qui.

 

2. Paolo Barabani – Hop hop somarello

E’ il 1981 quando un giovane Paolo Barabani ci stupisce (nel vero senso della parola) con “Hop hop somarello” . La canzone sembra quasi una canzone da messa Domenicale, il testo per l’appunto narra la storia di Gesù dall’innovativo punto di vista dell’asinello che lo accompagna in giro per la Palestina.

Eccola qui per voi:

3. Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici – Italia amore mio (2010)

Non si arrabbi nessuno. Questa non è una classifica ma semplicemente una mini-carrellata di orrori, ma se dovessimo dare  una posizione a questo brano sarebbe sicuramente la PRIMA.

Lasciamo stare la presenza di Emanuele Filiperto che con la musica c’entra davvero poco se no nulla davvero ma Italia amore mio è un vero scherzo della natura sottoforma di canzone d’amore verso quel bellissimo paese che è l’Italia.

La canzone ha riscosso svariate critiche dato che arrivò seconda.

4. Le figlie del vento – Sugli sugli bane bane

Vi sentire giù di morale? Ascoltate questa hit, risate assicurate!

Ci troviamo di fronte ad una perla di nonsense splendente, un gioiellino che non può essere dimenticato.

Il testo non merita commenti e la musica non ha un legame con il resto.

Ma del resto da “Le Figlie del Vento” che fanno il loro esordio con  “I carciofi son maturi se li mangi poco duri”  cosa potevamo aspettarci?

5. Loredana Bertè, Gigi D’Alessio e Fargetta – Respirare

Finiamo con un pezzo “dance” se così possiamo definirlo.

Il ritmo neomelodico distrugge quella che era la dignità di una vera icona rock quale Loredana Bertè.

La presenza del Gigi nazionale scombussola il ritmo del Festival ma del resto un brano trash ad ogni festival ci sta sempre.

Ecco quello del 2012 sanremo canzoni brutte

sanremo canzoni brutte

6. Elio e le storie tese – “Arrivedorci”

Non potevano dire addio al loro pubblico in modo PEGGIORE. Va bene il loro essere alternativi, ironici e stravaganti ma così è davvero troppo. Voi che ne pensate? Guardate qui.

Sintonizzatevi tutti su Musicaccia per le novità.

 

LASCIA UN COMMENTO