Home Album Gli Slipknot come non li avete mai visti. “We Are Not Your...

Gli Slipknot come non li avete mai visti. “We Are Not Your Kind” è una furia esplosiva

6
0
CONDIVIDI
Slipknot album download recensione

“Noi non siamo come voi”Slipknot album download recensione

Gli Slipknot raggiungono la loro sesta prova in studio dopo un lungo silenzio. Mancavano dal mercato discografico dal lontano 2014 con l’ultimo album .5: The Gray Chapter(escludendo l’album live del 2017). The Gray Chapter, seppur non troppo apprezzato, rimane l’ultimo passo creativo della band dopo la scomparsa del bassista Paul Gray. Anche quest’ultimo, “We Are Not Your Kind”, peraltro, segna un altro mutamento in seno alla formazione dello Iowa: il batterista Chris Fehn, proprio pochi mesi fa, ha abbandonato la nave dopo una brutta rottura – con coda di carta bollata e intervento di legali. E poi ci sono le maschere rinnovate, come a segnare un new deal, una sorta di nuovo corso. Che, fortunatamente per i fan, non è di carattere musicale. Corey Taylor e la sua band riescono a tirar fuori la giusta energia che da qualche anno sembrava essersi assopita.Slipknot album download recensione

Slipknot album download recensione

Rabbia e dolore

Nessun ammorbidimento, autocitazione o ritorno al passato: la band si sfoga con tutta la sua rabbia, dolore e disagio. Una “rabbia” che si fa musica, che si fa suono, che rimbalza di qua e di la tracciando percorsi inaspettati.  “We Are Not Your Kind” si esprime con tutto il suo carattere e ne traduce perfettamente il significato: “No, non siamo come voi” viene ribadito senza ripensamenti e con tanta cattiveria.

Slipknot album download recensione

Gli Slipknot mostrano di non avere perso la voglia di sparigliare le carte sul tavolo con un metal/groove metal ricco di inventiva, capace di rispettare e trascendere al contempo i confini di un genere. Furia, alienazione, claustrofobia, odio a 360°, aggressività: questi ingredienti musicali, nella miglior tradizione griffata Slipknot, in “We Are Not Your Kind”, sono accostati a inserti melodici. Il limite, dunque, ossia il passo appena precedente il punto di non ritorno, sembra essere il mood del disco; una linea rossa che fotografa il gruppo sull’orlo del precipizio, dall’oblio, alla sua resurrezione. Slipknot album download recensione

TRACKLIST

01. Insert Coin – (01:38)
02. Unsainted – (04:20)
03. Birth Of The Cruel – (04:35)
04. Death Because of Death – (01:20)
05. Nero Forte – (05:15)
06. Critical Darling – (06:25)
07. A Liar’s Funeral – (05:27)
08. Red Flag – (04:11)
09. What’s Next – (00:53)
10. Spiders – (04:03)
11. Orphan – (06:01)
12. My Pain – (06:48)
13. Not Long for This World – (06:35)
14. Solway Firth – (05:55)

d f s a w r f g s a  e f f s d 

 

Slipknot album download recensione

Continuate a seguirci su Musicaccia 

LASCIA UN COMMENTO