Home News Tragedia al concerto dei Green Day. Imperversa la polemica, fischi per la...

Tragedia al concerto dei Green Day. Imperversa la polemica, fischi per la band

1747
0
CONDIVIDI
Tragedia Green Day Mad Cool

 Quella che doveva essere una festa si è trasformata in una tragedia.
Al concerto dei Green Day al Mad Cool festival, a Madrid, muore un acrobata cadendo da 30 metri di altezza. Sgomento e dolore, ma intanto scoppia la polemica sulla decisione di continuare con lo show. Tragedia Green Day Mad Cool

L’incidente

Il Mad Cool è uno dei festival più grossi d’Europa, e si svolge a Madrid. L’edizione di quest’anno vanta come headliner nomi grossissimi del Rock mondiale: Foo Fighters, Green Day e Kings of Leon.
La disgrazia è avvenuta la seconda serata di questa edizione 2017, Venerdì 7 Luglio. La sera in cui l’unica protagonista avrebbe dovuto essere la musica degli statunitensi Green Day.

Tragedia Green Day Mad Cool

Il coreografo e ballerino Pedro Aunión Monroy (42 anni) è deceduto a seguito di un terribile incidente.
Erano circa le 22.50 quando Pedro si stava esibendo all’interno di un’installazione luminosa posta a 30 metri dal suolo, sulle note della bellissima Purple Rain di Prince. All’improvviso la terribile caduta. Quello che all’inizio era sembrato parte dello spettacolo, si è subito rivelato quello che era davvero all’arrivo dei soccorritori: un’agghiacciante morte in diretta, davanti a decine di migliaia di spettatori lì solo per far festa.
Ancora da chiarire le cause dell’accaduto. I soccorritori hanno dichiarato l’artista deceduto sul posto.

ATTENZIONE: IMMAGINI FORTI!

Poi, il concerto e la polemica. Tragedia Green Day Mad Cool

La polemica

Subito ha destato scalpore ed indignazione tra il pubblico già scosso e provato per quanto successo, la decisione di far proseguire il festival come se nulla fosse accaduto.
L’organizzazione ha preferito addirittura tacere sulla morte del ballerino, facendo salire subito dopo sul palco – con solo un ritardo di mezz’ora – la punk rock band californiana.

La reazione del pubblico è stata assolutamente negativa. Fischi e insulti sono partiti rivolti sia alla band capitanata dal cantante e chitarrista Billie Joe Armstrong, sia all’organizzazione Mad Cool Festival.
E la polemica non ha – ovviamente – teso ad attenuarsi sui social, dove anzi è imperversata con ancor maggior vigore (come ormai è sempre lecito aspettarsi). Tragedia Green Day Mad Cool

Le motivazioni dei Green Day


La band ha affermato semplicemente di esser venuta a conoscenza della tragedia a concerto concluso.
Seppur risulta difficile crederci, lasciamo il beneficio del dubbio ad un gruppo che si è sempre dimostrato sensibile ad eventi di questo genere. Anche se, in quest’occasione, risulta arduo credere che una band non venga a conoscenza di una disgrazia di tale portata avvenuta poco prima della propria esibizione. Tragedia Green Day Mad Cool

Le motivazioni del Mad Cool Festival

Per quel che riguarda l’organizzazione del festival, è stato diffuso un comunicato in cui si affermavano le motivazioni che hanno portato alla decisione di proseguire con lo show.
Clicca qui per leggere il comunicato ufficiale del Mad Cool festival sull’accaduto
Essenzialmente viene detto che la ragione principale è stata quella di rispettare direttive di ordine e sicurezza pubblici.
Le autorità avrebbero – a detta degli organizzatori – sconsigliato gravemente l’interruzione di un evento di tale portata. Interruzione che avrebbe riversato per le strade una folla di quasi 50.000 persone, a rischio anche di una nevrosi pubblica che avrebbe potuto sfociare in conseguenze difficilmente prevedibili ed arginabili (vedasi, ad esempio, quanto successo a Torino durante la finale di Champion League il mese scorso).

Nello stesso comunicato vengono porte le condoglianza alla famiglia di Pedro e dichiarato che l’unico motivo per cui non si è subito annunciato l’incidente è stato il rispetto della privacy dell’artista e della stessa famiglia.

Anche qui, è lecito porsi qualche domanda sulle reali motivazioni che hanno spinto a questa decisione. Tragedia Green Day Mad Cool

Must the Show go on?

Era dunque necessario continuare lo Show, a seguito della morte in diretta di un essere umano?
Le domande sono tante, ed i fattori da considerare altrettanti.
È vero sì che probabilmente, soprattutto in questo periodo storico, interrompere avrebbe potuto portare ad ulteriori problemi di ordine pubblico, con potenziali conseguenze altrettanto gravi.
Ma è altresì vero che, di fronte ad una morte, forse il business dell’entertainment dovrebbe semplicemente fermarsi un attimo.
Questa era, d’altronde, anche la volontà del pubblico.

Al di là delle discussioni futili e delle polemiche, rimane l’entità della tragedia, il dolore della famiglia e la scomparsa di un uomo che aveva fatto della propria passione un mestiere, e che per quella passione ha dato la vita.

Che la decisione sia dunque stata corretta o meno non è certo materia da dibattito social.
Porgiamo le nostre condoglianze alla famiglia.
Riposa in pace, Pedro.

Tragedia Green Day Mad Cool

 

 

LASCIA UN COMMENTO