domenica, Maggio 19, 2024

Latest Posts

Sanremo: Le pagelle della top 5 finale

Questa 73esima edizione del Festival di Sanremo è giunta al termine. La novità di quest’anno del podio a cinque spinge a qualche riflessione in più rispetto agli altri anni. Ha fatto discutere la mancanza di una qualsiasi figura femminile in queste posizioni che fa pensare molto al ruolo femminile nella discografia italiana, pensiero che va oltre la parentesi di Sanremo. Questi cinque nomi trovo comunque che siano uno specchio dei generi che funzionano meglio nel nostro Paese. Ma vediamoli più da vicino. Pagelle top 5 Sanremo 

5) TANANAI voto 8 Pagelle top 5 Sanremo 

In un solo anno questo ragazzo è esploso: da ultimo in classifica generale a ultima posizione sul podio, incredibile. Un percorso breve ma super intenso in cui è cresciuto a tal punto da andare oltre il Tananai personaggio che abbiamo conosciuto l’anno scorso col suo testo scapestrato Sesso Occasionale. Quest’anno ha cambiato mood portando un brano profondo sul male che la guerra fa anche alle coppie che – a causa di essa – sono costrette a separarsi. Podio assolutamente meritato. Pagelle top 5 Sanremo 

4) ULTIMO voto 5

Dobbiamo dirlo, c’erano canzoni in gara che avrebbero meritato di più questa posizione sul podio ma lui è l’esempio di come portare un artista con il suo seguito sia un’arma a doppio taglio. Non sempre il seguito clamoroso è sinonimo di brani di qualità. Sicuramente Ultimo nella sua carriera ha tirato fuori dei pezzi validi, poi il suo genere che narra l’amore struggente può piacere o meno ma è un vero cantautore amoroso. Molto divertente il suo intervento nelle storie Instagram in cui scherza sul fatto che in sala stampa sarebbero andati solo i primi tre, così non avrebbe corso il rischio di inalberarsi come l’ultima volta.

3) MR RAIN voto 5 1\2 Pagelle top 5 Sanremo

La presenza dei bimbi ha funzionato e ha portato bene all’outsider di questo podio a cinque. In partenza non era tra i favoriti ma il suo brano è piaciuto, il testo è arrivato a molti ma forse non tutti hanno capito che è un testo che parla di depressione. Quello che c’è dietro il ritornello orecchiabile è qualcosa di più. Apprezzo che sia piaciuto un testo con una tematica così delicata. Non dimentico però che Mr Rain avrebbe potuto fare ancora di più considerando la sua discografia passata.

2) LAZZA voto 10

L’hip hop al secondo posto nel Festival della canzone italiana: storico. L’hip hop quello vero che viene dalla strada e la racconta. Lazza ha portato alla perfezione il peso dell’artista che ha venduto di più lo scorso anno e questo gli ha garantito un ottimo sostegno. Lazza è stato sia bravo che furbo perché ha portato la hit di questa edizione osando davvero tanto con una produzione a cui non siamo abituati. Ha dimostrato di essere degno di essere chiamato cantante e perché no, anche musicista. Il suo pallore nel momento della proclamazione del vincitore resterà per tanto tempo nel mio cuore.

1) Marco Mengoni voto 10 e lode

Quasi nessuno si aspettava un vincitore diverso perché Marco è il cantante che mette sempre d’accordo tutti: ha la voce potente, ha stile, sta al passo dei gusti musicali, ha tutto. La sua emotività è un altro punto a suo favore e non era scontato vederlo così emozionato considerando la sua carriera straordinaria. Ha confermato la sua partecipazione all’Eurovision Song Contest, non era scontato considerando il fatto che ha già partecipato e considerando che poco dopo la data del festival europeo parte col suo tour negli stadi. Speriamo che Due vite arrivi nei cuori anche fuori dai confini dell’Italia.

Grande assente di questo podio? Madame. Pagelle top 5 Sanremo 

Continuate a seguirci su Musicaccia 

 

Latest Posts

Don't Miss

Resta con noi

Per essere aggiornato con tutte le ultime novità, offerte e annunci speciali.