lunedì, Marzo 4, 2024

Latest Posts

Christmas soundtrack: 7 album di Natale che (forse) non conoscevi

“Alexa, riproduci…”: spesso è con queste parole che cominciano i momenti più belli in compagnia di amici a parenti. Un sottofondo musicale è ciò che ci vuole per allietare pranzi, cene, merende, ore del tè. Nei giorni di dicembre questa esigenza si sente più che mai: niente riscalda l’atmosfera quanto una bella compilation di brani di Natale. Ma se avete voglia di mantenere un mood omogeneo, anzichè spaziare tra artisti, generi ed epoche come avviene con le playlist, vi suggeriamo alcuni album natalizi da ascoltare. Vi basterà cliccare su “Play”. Ma gli album che a breve esploreremo non sono i soliti di Michael Bublé o Mariah Carey. Ecco allora 7 album di Natale che (forse) non conoscevate: alcuni sono decisamente anticonvenzionali, ma vale la pena dare un ascolto. Album di Natale alternativi

Christmas (HAUSER) Album di Natale alternativi

Niente di meglio che il suono caldo di un violoncello per riscaldare i freddi giorni di dicembre. Il violoncellista croato HAUSER (Stjepan Hauser), celebre nel mondo digitale per la sua cover di Smooth Criminal di Michael Jackson, ci ha regalato diversi album in cui reinterpreta con il suo strumento diversi brani celebri del repertorio classico (da Mozart a Mascagni, da Bach a Rachmaninoff), ma anche brani pop come La Isla Bonita di Madonna o Let’s Get Loud di Jennifer Lopez. L’anno scorso il musicista ha inciso un disco natalizio, che comprende grandi classici del Natale, come White Christmas o Silent Night, ma anche brani un po’ meno noti, come O Little Town of Bethlehem o The Little Drummer Boy. Album di Natale alternativi

The Greatest Christmas Hits (Pentatonix)

I Pentatonix sono un gruppo a cappella statunitense che ha conquistato il pubblico mondiale con le loro straordinarie armonie vocali e le brillanti interpretazioni di brani pop, rock e persino classica. I Pentatonix devono amare particolarmente il Natale: hanno pubblicato ben 5 album natalizi. L’ultimo, uscito poche settimane fa, è una compilation che raccoglie le più grandi hit di Natale incise dal gruppo. The Greatest Christmas Hits – questo il titolo – è anche impreziosito da collaborazioni prestigiose, tra cui il duetto con Jennifer Hudson e quello con Elvis Presley (sì, avete capito bene). Album di Natale alternativi

Merry Christian (Christian De Sica)

Il gioco di parole è stato servito su un piatto d’argento all’attore Christian De Sica, che ha sfruttato l’assonanza del suo nome con la parola “Christmas” per dare il titolo al suo disco di Natale. Dopo Natale a Rio, Natale a New York, Natale di qua, Natale di là, alla fine il cerchio si chiude: l’attore che per decenni ha rallegrato i nostri Natali con i suoi cinepanettoni ha inciso un disco natalizio. Ma, diversamente dai suoi cinepanettoni, Merry Christian non contiene rutti, parolacce o volgarità. Anzi, è un disco di tutto rispetto in cui De Sica non fa altro che portare a compimento uno dei suoi più grandi sogni: incidere un disco jazz. Grandi classici come Jingle Bells o Let it snow gli permettono di sfoggiare una voce niente male, con il savoir-faire e lo charm che in fondo in fondo hanno sempre caratterizzato questo personaggio. A chiudere il disco è la title track, che in realtà è in lingua italiana: “Senza te Natale non è”, canta Christian rivolgendosi a se stesso. E noi siamo d’accordo con lui.

A Ghetto Christmas Carol (XXXTentacion) Album di Natale alternativi

Chi l’avrebbe mai detto? In questa lista c’è anche un rapper, uno dei più popolari (e controversi) dell’ultimo decennio. Nato Jahseh Dwayne Ricardo Onfroy, il compianto XXXTentacion ha portato nel suo genere una vulnerabilità cruda, specchio delle sue battaglie personali. Neanche la magia del Natale ha potuto togliergli di dosso la disperazione. Invece, per le feste di dicembre, il rapper ha regalato ai fan un EP in cui l’atmosfera del Natale lascia il posto all’atmosfera angosciante dell’Emo Rap. Con la sua scrittura impulsiva e le registrazioni lo-fi, A Ghetto Christmas Carol non ripropone nemmeno un classico di Natale, ovviamente. Ma in compenso c’è un imperdibile freestyle. Il rapper di Moonlight rilasciò l’EP a sorpresa nel dicembre 2017, pochi giorni prima del processo per violenze domestiche contro la compagna. Non un Natale ordinario, dunque, ma un Natale nel ghetto.

Christmas Carols (King’s College Choir)

Il King’s College Choir è uno dei cori più illustri e celebrati al mondo, con una storia ricca di tradizione e prestigio. Fondato nel 1441 presso il King’s College di Cambridge, in Inghilterra, il coro ha una lunga e venerabile tradizione di eccellenza musicale. La caratteristica più distintiva del King’s College Choir è il suo contributo annuale al servizio di Natale “A Festival of Nine Lessons and Carols”, trasmesso in tutto il mondo dalla BBC il 24 dicembre. Questo evento, iniziato nel 1918, ha reso il coro rinomato a livello internazionale e ha contribuito a diffondere la sua fama di eccellenza e magnificenza musicale. Il coro ha inciso diversi album natalizi, disponibili sulle piattaforme streaming come Spotify o Amazon Music. Qui vi proponiamo il disco del 2019, con la direzione di Stephen Cleobury. Non riuscirete a resistere alla dolcezza delle voci bianche. Album di Natale alternativi

Christmas Song Book (Mina) Album di Natale alternativi

La leggendaria voce di Mina non può mancare all’appello. La Tigre di Cremona ha dimostrato (per la milionesima volta) la sua versatilità con una meravigliosa raccolta natalizia pubblicata nel 2013. Particolarmente toccante è la versione di Mina di Have Yourself a Merry Little Christmas. La sua interpretazione delicata e sentimentale cattura l’essenza della canzone, trasmettendo un senso di nostalgia e calore che è caratteristico delle festività. La cantante deve amare particolarmente la musica natalizia: già tre anni prima era uscito l’EP Piccola Strenna, di cui abbiamo accennato in questo articolo. Il CD include anche un booklet di 18 tavole in cui la cantante di Ancora Ancora Ancora diventa un personaggio Disney, grazie alle illustrazioni del fumettista Giorgio Cavazzano.

Ogni volta che è Natale (Raffaella Carrà)

Da un’icona a un’altra. Anche la compianta Raffaella ha inciso un album natalizio, pubblicato nel 2018. L’energia contagiosa della Raffaella nazionale è proprio quello che ci vuole per un Natale brioso e colorato. Ogni volta che è Natale conta 9 cover di brani celeberrimi, tra cui Feliz Navidad di José Feliciano e Happy XMas (War is Over) di John Lennon. In quest’ultima partecipa anche il Piccolo Coro dell’Antoniano. Nel disco c’è anche un inedito: Chi l’ha detto, estratto anche come singolo. E infine, carràmba, che sorpresa! La cantante ci regala una traccia nascosta, intitolata Christmas Bonus, che parte pochi secondi dopo Navidades han legado, versione spagnola di Chi l’ha detto.

Latest Posts

Don't Miss

Resta con noi

Per essere aggiornato con tutte le ultime novità, offerte e annunci speciali.