Home Gossip La musica di Mozart fa bene al cuore

La musica di Mozart fa bene al cuore

649
0
CONDIVIDI
musica benefici cuore

Una canzone può avere effetti curativi, lo dimostra la scienza. La conferma arriva da uno studio presentato al congresso annuale della European Society of Cardiology che si tiene ad Amsterdam. musica benefici cuore

Il test dimostra in sostanza che in un malato di cuore una dolce e gradita melodia può migliorare lo stato generale, allargando le arterie e alleviando i cuori sofferenti. Ecco perchè si propone l’ascolto delle sinfonie di Mozart, chi meglio di lui per musiche classiche, armoniose e rilassanti?

La musica è terapeutica dunque c’è dietro una verità scientifica. Una verità che da anni si chiama “musicoterapia”, una vera e propria terapia che aiuta a combattere depressione e malattie della mente, ma non solo anche stati d’animo come la solitudine e malattie come l’iperattività e autismo. Non parliamo di cure mediche, chiaramente, ma di aiuti al sistema sanitario per creare, con la musica, il terreno fertile per le cure necessarie.

Mozart è una medicina musica benefici cuore

Che la musica classica, quella di Mozart nello specifico, aiutano ad alleviare le malattie del cuore lo rivela uno studio pubblicato su Acta Cardiologica, coordinato dai ricercatori L.C. Gruhlke, M.C. Patrício e D.M. Moreira.

A sessanta pazienti affetti da infarto miocardico acuto sono state fatte ascoltare opere del grande compositore austriaco, canzoni dei Beatles e news radiofoniche.

Il risultato ha dichiarato che: mentre la musica di Mozart ha fatto registrare significativi effetti positivi, i brani dei Fab Four e le notizie legate all’attualità non producono benefici. I pazienti, ascoltando il compositore, hanno avuto una sostanziale riduzione della pressione sanguigna sistolica.

E’ quindi tutto chiaro! La musica di Mozart riduce infatti il livello di ansia nei pazienti con malattie coronariche, specialmente in coloro che sono stati colpiti da infarto.

Come mai? Perché l’ascolto produce endorfine, che migliorerebbero non solo l’umore ma producono un effetto “protettivo” nel sistema cardiovascolare, che spiegherebbe il miglioramento delle condizioni cliniche.

Seguici su Musicaccia.com

LASCIA UN COMMENTO